Gorizia. Sicurezza è priorità per la Città

Un nuovo importante momento di ascolto e confronto sul tema della #sicurezza, particolarmente rilevante per Gorizia anche in vista delle sfide che attendono la nostra Città in futuro 👆🏻
Il 12 giugno a #Gorizia per Rodolfo Ziberna sindaco, vota #Lega e scrivi #TOMASELLA

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, sarò felice di rispondervi!

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Sicurezza. Proficuo incontro con sindacati forze dell’ordine

Proficuo incontro, a Gorizia, con l’assessore regionale alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, e i rappresentanti delle sigle sindacali SILF FVG, SAP e CONAPO.

Un momento importante sia per conoscere le istanze delle forze dell’ordine del goriziano che per avanzare significative proposte per implementare il sistema della sicurezza della nostra Città.
Il 12 giugno a #Gorizia per Rodolfo Ziberna sindaco, vota #Lega e scrivi #TOMASELLA

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri.

Vi invito anche mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Sicurezza. Incontro con Vigili del Fuoco e Guardia di Finanza

Importante incontro con l’on. Andrea Crippa, il vicesindaco di Gorizia, Stefano Ceretta, il segretario regionale della Lega, Marco Dreosto, il consigliere regionale Diego Bernardis e le sigle sindacali dei Vigili del Fuoco e della Guardia di Finanza, rappresentate da Damjan Nacini, Claudio Ughi e Armando Gallucci. Un importante momento di ascolto e confronto, per parlare della Questura e portare idee e proposte per il futuro della nostra Città 🏢 👮

#AvantiGorizia con Andrea #Tomasella

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri!

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Sicurezza. Proficuo incontro con Sindacato Autonomo Polizia

Istanze e proposte per la #sicurezza di #Gorizia al centro dell’incontro con il Sindacato Autonomo di Polizia👮🚔👇🏻

#AvantiGorizia con Andrea #Tomasella

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri!

Vi invito a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Polizia Urbana. Primo intervento in Consiglio

La due giorni di Consiglio comunale di Gorizia convocata per oggi e domani verte sull’approvazione del nuovo Regolamento della Polizia Urbana.

Di seguito trovate il mio primo intervento in Aula.

“Buonasera a tutti, ai colleghi in Aula, a coloro che sono collegati da remoto e ai cittadini che ci seguono da casa.

Fra gli atti fondamentali di competenza del Consiglio comunale ci sono anche i regolamenti, pertanto la proposta di un nuovo regolamento della Polizia Urbana non è un passaggio indifferente ma, per il sottoscritto, rappresenta uno fra i momenti più importanti della consiliatura.

Permettetemi di sottolineare il buon lavoro fatto dall’assessore Stefano Ceretta, dal comandante della Polizia Locale Muzzatti e dal vicecomandante Paesini, dal presidente della Commissione, Cosma, dagli Uffici e da tutti coloro che hanno concorso a realizzare il nuovo Regolamento in cui non si trovano azzardi né improvvisazioni, ma buone pratiche rintracciabili anche in altri regolamenti della Polizia Urbana di altri Comuni del Friuli Venezia Giulia.

Visto il momento, ritengo che sia importante sottolineare che si tratta di uno strumento a vantaggio non soltanto della Polizia Locale ma in generale di tutte le Forze dell’Ordine. Un nuovo regolamento è imprescindibile per poter garantire un servizio efficiente ed efficace della Polizia locale a tutela della città e dei cittadini.

Senza dimenticare anche che le recenti assunzioni hanno rinforzato l’organico a disposizione e con la recente approvazione di importanti Regolamenti, che hanno previsto alcuni aggiornamenti degli strumenti in dotazione agli agenti (droni, fototrappole e GPS), si sta raggiungendo la mission che questa Amministrazione ha sempre avuto nel suo programma di mandato, ovvero modellare il servizio in base alle esigenze del territorio.

I decreti legge in materia di sicurezza poi, hanno introdotto una serie di nuove norme al fine di poter garantire il decoro urbano e la tutela dell’ordine pubblico, il cosiddetto “Daspo urbano” permetterà al sindaco, tramite gli organi competenti, di multare ed emettere un primo ordine di allontanamento da alcune zone della città nei confronti di persone che mettono a rischio la salute dei cittadini o il decoro urbano.

Questo importante concetto è stato ripreso anche in sede del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza, un organo non partitico o politico, ma collegiale dello Stato italiano, che ha espresso l’auspicio che “il Comune di Gorizia possa quanto prima addivenire all’approvazione di un nuovo regolamento di Polizia Urbana in modo da recepire le nuove disposizioni normative di settore e consentire così alle Forze di Polizia di poter disporre di un valido ed efficace strumento operativo di controllo del territorio”, per assicurare la vivibilità delle nostre strade e piazze e sancire il principio che sarà possibile allontanare chi non rispetta spazi che appartengono a tutti i cittadini.

Visto il grande lavoro fatto da tutte le parti, portato avanti con equilibrio e buonsenso, mi sento di esprimere l’auspicio che questo documento possa essere votato con larga maggioranza a beneficio di tutta la nostra comunità e che possa essere uno strumento in più a supporto della Polizia Locale di Gorizia, per la sicurezza e il benessere dei cittadini”.

Attualmente il dibattito è ancora in corso e si concentra sulla trattazione degli emendamenti.

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri.

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Gorizia. Proposte consegnate a on. Bubisutti e Toccalini

🗞️ Il Piccolo parla delle proposte consegnate all’on. Aurelia Bubisutti e al coordinatore federale della Lega Giovani, on. Luca Toccalini, affinché portino al Governo le istanze di #Gorizia in materia di sicurezza ed economia di confine 🤝

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri.

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Amianto. Contributi rimozione da edifici imprese 2022

Domande presentabili a partire da domani

In base all’articolo 4, commi 30 e 31 della Legge regionale di stabilità 2017, modificato dalla Legge di stabilità 2019, la Regione Friuli Venezia Giulia concede contributi per la rimozione e lo smaltimento, o per il solo smaltimento, dell‘amianto da edifici di proprietà di imprese, che siano sede legale o unità operativa delle stesse.

SOGGETTI BENEFICIARI

A poter beneficiare dei contributi in oggetto sono:

micro, piccole e medie imprese in possesso dei requisiti definiti dall’Allegato I del Regolamento (CE) n. 651/2014/UE;

grandi imprese.

Non possono, invece, beneficiare dei contributi:

– imprese che si trovano in stato di scioglimento o liquidazione volontaria o che siano sottoposte a procedure concorsuali;

– imprese che non rispettano le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro;

– imprese destinatarie di sanzioni interdittive;

– aziende che gestiscono servizi pubblici locali.

Possono beneficiare dei contributi in argomento anche le imprese che non sono proprietarie dell’immobile su cui viene effettuato l’intervento, previa autorizzazione da parte del proprietario stesso.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse a contributo, al netto dell’IVA, le spese:

– di rimozione, trasporto e smaltimento dei materiali contenenti amianto;

– inerenti l’approntamento delle condizioni di lavoro in sicurezza;

– relative ad analisi di laboratorio;

– per la redazione del piano di lavoro di cui all’articolo 256 del decreto legislativo n. 81/2008;

– connesse all’attività di certificazione di cui all’articolo 41 bis della legge regionale n. 7/2000, per l’importo massimo di 500,00 euro.

Tali spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda.

Non rientrano nel contributo le spese:

– per la sostituzione del materiale rimosso, l’incapsulamento o il confinamento dei materiali contenenti amianto;

– sostenute a fronte di rapporti giuridici instaurati tra società, persone giuridiche, amministratori, soci, ovvero tra coniugi, parenti e affini sino al secondo grado riferite al contributo medesimo.

INTENSITÀ DEL CONTRIBUTO

L’entità del contributo varia a seconda della dimensione dell’impresa richiedente ed è pari al:

-50% della spesa riconosciuta ammissibile, per un massimo di 15.000,00 euro, per le micro imprese;

-40% della spesa riconosciuta ammissibile, per un massimo di 30.000, 00 euro, per le piccole e medie imprese;

-30% della spesa riconosciuta ammissibile e per un massimo di 40.000,00 euro per le grandi imprese.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di contributo, redatta compilando l’apposito modulo disponibile sul sito della Regione, deve essere presentata via PEC all’ indirizzo ambiente@certregione.fvg.it (Direzione centrale competente in materia di ambiente e  Servizio competente in materia di rifiuti e siti inquinati) tra il 1 e il 28 febbraio.

All’istanza devono essere allegati:

– relazione relativa all’intervento da realizzare;

– preventivo dettagliato di spesa;

– due fotografie dell’immobile oggetto di intervento, attestanti la presenza di
amianto;

– dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà attestante il possesso dei requisiti di accesso al contributo;

– fotocopia del documento d’identità in corso di validità del soggetto che sottoscrive la domanda.

Il richiedente deve presentare domande diverse per la sede legale e per ogni unità operativa oggetto di intervento.

Queste e molte altre informazioni utili sono disponibili alla pagina dedicata sul sito della Regione.

Si tratta di una misura molto significativa, data la pericolosità dell’amianto per la salute e l’importanza di rimuovere e smaltire in sicurezza questo materiale.

Cosa ne pensate? Fatemelo sapere con un commento, vi risponderò molto volentieri.

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Gorizia. Gusti Off, i dettagli della kermesse

Accessi limitati, obbligatorio il Green Pass

Presentata ufficialmente Gusti Off!, la nuova edizione – più contenuta rispetto alle precedenti a causa delle limitazioni anti Covid – della kermesse Gusti di Frontiera, che si svolgerà a Gorizia dal 23 al 26 settembre.

LA MAPPA DELL’EVENTO

Proprio al fine di evitare gli assembramenti e garantire la sicurezza dei partecipanti, la manifestazione avrà luogo entro due aree ben delimitate della città, che potranno ospitare un massimo di 2.700 persone per volta. La prima comprenderà piazza Cesare Battisti e i Giardini pubblici e ospiterà gli stand austriaci e francesi, la seconda si svilupperà in via Roma, una parte di via Crisipi e piazza Vittoria, con gli stand regionali, sloveni e istituzionali.

ACCESSO ALLE AREE

Per accedere a Gusti Off! sarà obbligatorio esibire il Green Pass. Il certificato verde potrà essere richiesto anche all’interno delle due maxi-aree, nelle quali sarà consentito mangiare e bere soltanto da seduti.

IL MENÙ

La kermesse enogastronomica ospiterà circa 60 stand, che offriranno specialità tipiche della Mitteleuropa e del nostro territorio.

Gusti Off! mette insieme l’esigenza di garantire la sicurezza con la voglia di ripartire e di ritrovarsi dopo un anno e mezzo di pesanti limitazioni dovute alla pandemia. La kermesse enogastronomica, affiancata dalla manifestazione culturale Contea, sarà di certo un’importante occasione per promuovere le tante peculiarità della nostra splendida Città.

Io non mancherò, e voi?

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul mio profilo Twitter e a iscrivervi al mio canale Telegram.

Amianto. Contributi FVG a privati per rimozione e smaltimento

Oltre che a favore delle imprese, la Regione Friuli Venezia Giulia concede contributi per interventi di rimozione e smaltimento, o di solo smaltimento, dell’amianto anche a sostegno di soggetti privati.

I riferimenti normativi sono dettati dall’articolo, modificato dall’articolo 4, comma 30, della L.R. n. 25 del 2016, recentemente modificato dalla legge regionale n. 29/2018.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare del contributo:

-il proprietario o il comproprietario dell’immobile oggetto dell’intervento;

-il locatario, il comodatario, l’usufruttuario o il titolare di altro diritto reale di godimento sull’immobile oggetto dell’intervento.

Nel caso di condomini, questi devono essere costituiti per la maggioranza, calcolata in base ai millesimi di proprietà, da unità abitative a uso residenziale. A poter presentare la domanda di contributo sono l’amministratore del condominio o il soggetto a ciò delegato.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse a contributo le spese:

-necessarie alla rimozione, al trasporto e allo smaltimento dei materiali contenenti amianto;

-riguardanti le analisi di laboratorio;

-per la redazione del piano di lavoro di cui all’articolo 256 del decreto legislativo n.81/2008;

-inerenti l’approntamento delle condizioni di lavoro in sicurezza, nella misura massima del 10% dell’importo relativo alla sola rimozione del materiale contenente amianto;

-l’IVA.

Tali spese devono essere sostenute successivamente alla presentazione della domanda.

Non sono invece ammesse a contributo le spese relative alla sostituzione del materiale rimosso e ad interventi di incapsulamento o confinamento dei materiali con presenza di amianto.

INTENSITÀ DEL CONTRIBUTO

Il contributo viene concesso nella misura del 50% della spesa ammissibile e per importo massimo di 1.500 euro.

Nel caso di un condominio, l’importo massimo concedibile è dato dal prodotto di 1.500 euro per il numero di unità abitative a uso residenziale presenti nel condominio, sempre nel limite del 50% della spesa ammissibile.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di contributo deve essere presentata esclusivamente online attraverso l’applicativo informatico FEGC, cui si accede tramite Sistema Pubblico d’Identità Digitale, SPID, oppure con LoginFVG.

Nel 2021 il termine di presentazione della domanda è stato prorogato alle ore 18:00 del 1 marzo.

Trovate queste e molte altre informazioni utili alla pagina dedicata sul sito della Regione Friuli Venezia Giulia.

Una misura sicuramente significativa, data la pericolosità dell’amianto e l’importanza di rimuovere, in sicurezza, questo materiale dagli edifici e di smaltirlo in maniera corretta per tutelare la salute.

Vi invito a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook e a seguirmi sul mio profilo Twitter