Affitti. Incentivi canoni dovuti e pagati nel 2021

Domande presentabili fino al 29 aprile

Il Comune di Gorizia ha indetto il bando 2022 per l’erogazione di incentivi a sostegno dei conduttori meno abbienti nel pagamento dei canoni di locazione di immobili destinati a prima casa, di proprietà privata o pubblica.

La normativa di riferimento è definita con l’articolo 19 della Legge Regionale 1/2016.

SOGGETTI BENEFICIARI

A poter beneficiare degli incentivi sono:

-cittadini italiani;

-cittadini, o familiari di cittadini, di uno Stato appartenente all’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia;

-cittadini extra-comunitari titolari di permesso di soggiorno CE di lungo periodo oppure di durata non inferiore ad un anno.

I richiedenti devono inoltre:

-essere anagraficamente residenti in Friuli Venezia Giulia da almeno 2 anni continuativi;

-possedere un Indicatore della Situazione Economica (ISE) del nucleo familiare non superiore a 30.000,00 euro;

-essere conduttori, o esserlo stati nell’anno per cui si chiede il contributo, di un alloggio privato o pubblico adibito a prima casa situato sul territorio regionale;

-non aver beneficiato, con riferimento all’intero nucleo familiare, di altri contributi pubblici a titolo di sostegno alloggiativo e di detrazioni fiscali IRPEF in favore di conduttori di alloggi a titolo di abitazione principale;

-non essere proprietari, nudi proprietari o usufruttuari di altri alloggi anche per quote situati in Italia o all’estero, con riferimento all’intero nucleo familiare;

-non essere stati condannati, in via definitiva, per il reato di invasione di terreni.

IMMOBILI E CONTRATTI

Gli immobili oggetto di incentivo devono avere destinazione d’uso residenziale a prima casa. Gli stessi non devono possedere caratteristiche “di lusso”, né essere di edilizia sovvenzionata (ai sensi dell’art. 16 L.R. n. 1/2016) o inclusi nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

contratti di locazione oggetto di incentivo non devono riferirsi a sole quote di alloggi né avere finalità turistica. Gli stessi devono inoltre essere registrati ed avere forma scritta, durata non inferiore a tre o quattro anni o non superiore a diciotto mesi.

ENTITÀ DELL’INCENTIVO

L’incentivo è erogato in un’unica soluzione, a fronte della spesa direttamente sostenuta dal beneficiario e rimasta effettivamente a suo carico per i canoni di locazione dovuti e pagati nell’anno 2021.

Il contributo può essere richiesto dai locatari con:

-un indicatore ISEE non superiore a 13.632,84 euro, rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione annuo (risultante dal contratto regolarmente registrato, al netto degli oneri accessori) non sia inferiore al 14 per cento;

-un indicatore ISEE non superiore a 20.000,00 euro, rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione annuo non sia inferiore al 24 per cento.

L’incentivo è riconosciuto in percentuale pari al valore ottenuto sottraendo dall’incidenza posseduta i relativi valori soglia e può essere incrementato fino ad un massimo del 20 per cento per nuclei familiari caratterizzati da situazioni di debolezza sociale o economica.

Il contributo non può superare l’importo di 3.110,00 euro per i nuclei familiari rientrati nella prima fascia ISEE e di 2.330,00 euro per i nuclei familiari della seconda fascia. L’incentivo non può, in ogni caso, essere superiore all’ammontare del canone pagato nel 2021 o inferiore a € 30,00.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

L’istanza di contributo deve essere presentata entro le ore 23:59 del 29 aprile al Comune di Gorizia (anche per quanto riguarda immobili siti in un altro Comune della Regione), tramite: 

-invio all’indirizzo di Posta Certificata comune.gorizia@certgov.fvg.it, allegando l’originale della domanda o la relativa scansione in formato pdf, debitamente compilata e sottoscritta con firma digitale o autografa;

raccomandata A/R.

Chi avesse bisogno di aiuto nella compilazione dell’istanza può rivolgersi ad uno dei CAF convenzionati, che provvederà ad inviare la domanda via PEC al Comune.

Se il contratto di locazione è intestato a diversi soggetti, la domanda deve essere presentata da ciascuno di essi e il contributo è riconosciuto per la quota di rispettiva titolarità. La domanda può essere presentata da uno solo dei contitolari qualora questi appartenga allo stesso nucleo familiare degli altri: in tal caso il contributo sarà riconoscibile per l’intero importo purchè la spesa sia stata direttamente sostenuta e rimasta effettivamente a carico del richiedente.

All’istanza di contributo deve essere allegata una copia di tutte le ricevute di pagamento dei canoni riconducibili al richiedente, recanti il beneficiario, la causale e l’importo.

Queste e molte altre informazioni utili sono disponibili alla pagina dedicata sul sito del Comune.

Si tratta di una misura molto importante per il sostegno alle famiglie in difficoltà, in particolare in un momento così complesso come quello che stiamo affrontando.

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri.

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Foto Internet

Una risposta a "Affitti. Incentivi canoni dovuti e pagati nel 2021"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...