Gioco d’azzardo: no a nuove slot nei pressi dei luoghi sensibili

Il Tar del Friuli Venezia Giulia conferma le disposizioni in materia di gioco d’azzardo, respingendo il ricorso presentato da una sala bingo di Martignacco.

Nel 2019 questa sala aveva chiesto al Comune di poter installare una nuova slot machine all’interno del proprio locale. L’amministrazione comunale, in ottemperanza alle disposizioni contenute nelle Leggi regionali sul gioco d’azzardo del 2014 e del 2017, aveva negato l’autorizzazione in quanto la sala si trova ad una distanza inferiore a 500 metri ”da un istituto di credito e sportelli bancomat e da esercizi di compravendita di oggetti preziosi e oro usati”, individuati come luoghi sensibili.

Il Tribunale regionale ha dunque respinto l’opposizione presentata dalla società e ha dato ragione al Comune: infatti, data la collocazione della sala rispetto ai punti sensibili ed essendo questa operativa già da prima dell’entrata in vigore delle Leggi regionali, essa deve continuare ad esercitare la propria attività limitatamente alle macchinette già esistenti e non può installarne di nuove.

Quello che vi ho appena citato non è il primo ricorso in materia di gioco d’azzardo che trova parere sfavorevole da parte del Tar regionale. Infatti, già lo scorso febbraio, il Tribunale aveva respinto il ricorso presentato dal titolare di una videolottery del pordenonese che si opponeva all’ordinanza relativa alle limitazioni di orario per le attività legate al gioco, indicando la tutela della salute come prioritaria rispetto alla libertà d’impresa dei privati. Anche per il caso di Martignacco, secondo il Tribunale, la libertà di iniziativa economica passa in secondo piano rispetto alla tutela dei consumatori.

Proprio per monitorare gli orari di attività delle slot machine e la distanza tra sale giochi e luoghi sensibili, a marzo anche la Regione Friuli Venezia Giulia ha deciso di adottare l’applicativo SMART, che consente di controllare il flusso di gioco lecito su rete fisica.

Porre limitazioni al gioco e utilizzare nuove tecnologie per monitorarlo sono sicuramente un’ottima soluzione per contrastare l’azzardopatia, una piaga ampiamente diffusa nella nostra società, che lucra sulle speranze delle persone più fragili.

Voi come la pensate? Se vi va, lasciate un commento per farmi sapere la vostra opinione, Vi risponderò molto volentieri.

Nel frattempo, Vi invito a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook e a seguirmi sul mio profilo Twitter.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...