Gorizia. Via Cocevia e via Rastello

📍Tra le principali vie di Gorizia si ricordano via Cocevia e via Rastello, entrambe situate ai piedi di Borgo Castello.

🕍 Abitata già nel medioevo da alcune famiglie contadine, via Cocevia divenne, a metà del 1600, il primo quartiere ebraico della Città. Nel 1696 diventò sede del ghetto di Gorizia, spostato due anni più tardi nel quartiere di San Giovanni, nei pressi della Sinagoga.

📚 Tra il 1774 e il 1775 nella tipografia di via Cocevia lo scrittore Giacomo Casanova fece stampare una parte della sua opera incompiuta “Istoria delle turbolenze della Polonia”.

🏠🏺 La casa al numero 11 fu ricostruita sulle macerie di un immobile preesistente e distrutto dai bombardamenti della Prima Guerra Mondiale, come ricordato dalla frase “Adverso turbine crescit”, incisa su un vaso posto in cima al muro dell’edificio.

🗝️ Anche via Rastello ha origine in epoca medievale e deve il proprio nome al cancello a forma di rastrello che separava la zona a ridosso del Castello dalla campagna circostante.

🧵🚋 Questa antica via rappresentava un importantissimo centro di commercio cittadino: visibili ancora oggi, le vetrine delle numerose botteghe artigiane sono state oggetto di una recente opera di restauro. Il commercio richiamava, in particolare nel corso dell’Ottocento, persone e mezzi di trasporto, tra cui carrozze e anche il tram.

Cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione con un commento, vi risponderò molto volentieri!

Vi invito anche a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook, a seguirmi sul profilo Twitter e a iscrivervi al canale Telegram.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...